OMEOPATIA

OMEOPATIA

OMEOPATIA

OMEOPATIA

Belladonna Onlus - fondazione per la divulgazione della scienza omeopatica
visita il blog

 

§ 70. Organon

Paradigma della ricerca scientifica in omeopatia e della scuola di omeopatia:
1) che tutto quello che il medico può trovare di veramente malato e da guarire nelle malattie consiste solo nello stato e nei disturbi del malato e nelle alterazioni del suo stato percepibili con i sensi, in altre parole consiste solo nella totalità di quei sintomi, con i quali la malattia esprime la richiesta del rimedio appropriato. Mentre d’altra parte, ogni causa interna e condizione inventata od oscura, oppure altra causa morbosa immaginaria materiale non è che un sogno vano;
2) che questa alterazione della sensibilità generale, che chiamiamo malattia, può essere riportata allo stato di salute solo con altra alterazione della sensibilità generale della forza vitale col mezzo di medicine, la cui unica forza curativa può di conseguenza solamente consistere nell’alterazione dello stato fisiologico generale ossia nella produzione specifica di sintomi morbosi. Tali fatti si riconoscono nel modo più chiaro e più evidente negli esperimenti, con medicamenti, nell’organismo sano;
3) che, per tutte le esperienze fatte, con medicine, che sono capaci di produrre nell’uomo sano uno stato di malattia diverso, estraneo alla malattia da curare, non si può mai ottenere la guarigione di malattie naturali a loro dissimili (ossia con la cura allopatica) e che nel regno della natura stessa non avviene la guarigione, la soppressione, la distruzione della malattia, se sopraggiunge una seconda malattia dissimile alla prima, per quanto essa sia forte;
4) che, pure per tutte le esperienze fatte, con medicine, che hanno tendenza a produrre nell’uomo sano sintomi morbosi artificiali contrari a qualche sintomo della malattia da curare, si può avere soltanto un sollievo molto passeggero, mai guarigione di disturbi più vecchi, sebbene piuttosto sempre conseguente peggioramento. In altre parole il trattamento allopatico puramente palliativo in mali importanti, di vecchia data, è senz’altro contrario allo scopo;
5) che infine il terzo ed ancora possibile sistema di cura (l’omeopatico), fatto con medicine capaci di produrre nell’uomo sano sintomi similissimi da contrapporre alla totalità dei sintomi di una malattia naturale, purché somministrate in dose opportuna, è il solo sistema di cura giovevole. In esso le malattie, quali stimoli dinamici producenti alterazioni, vengono sopraffatte e distrutte, nella sensibilità del principio vitale, dagli stimoli più forti, simili delle medicine omeopatiche, e devono cessare di esistere, senza aggiunta di sofferenze, completamente e stabilmente. Anche la natura ci mostra questo con l’esempio di cure accidentali, quando una malattia vecchia viene distrutta e guarita in breve tempo e per sempre col sopraggiungere di una nuova simile

NEL 2017

DIVENTA OMEOPATA

Formazione
continua +

Formazione

Ricerca
continua +

Ricerca

Progetti umanitari
continua +

Progetti umanitari

News ed Eventi
continua +

News ed Eventi

Ultime news

Dai importanza all'informazione

Aiuta la ricerca e la divulgazione della scienza omeopatica

L’omeopatia Hahnemanniana

L’omeopatia HahnemannianaL’Omeopatia, nata nel XVIII secolo, è una scienza aperta e interdisciplinare che si inserisce nelle Scienze Biomediche e in molte altre Scienze. Le scienze cognitive, umane, ambientali, la fisica, la chimica, l'epigenetica, gli studi sulla coscienza, possono fornirci modelli per la comprensione della malattia oltre lo schema biomedico. Il metodo sperimentale dell'omeopatia dopo oltre due secoli resta inalterato nella sua formulazione ed è confermato ogni giorno nella clinica e dagli studi più avanzati delle scienze moderne.

La guarigione ideale è la restaurazione rapida, dolce, duratura della salute, ossia la rimozione del male nella sua totalità nel modo più rapido, più sicuro ed innocuo e per ragioni evidenti. S. Hahnemann par. 2 "Organon"

IN EVIDENZA

Corso di formazione e clinica in omeopatia con perfezionamento nella ricerca omeopatica
A Milano da gennaio

Accreditamento
600 ore di corso accreditato dall'European Committee Homeopathy ('E.C.H.) e dalla Liga Medicorum Homoeopathica Internationalis (L.M.H.I.)

Competenza
nella soluzione di casi clinici complessi nell'attività in equipe di ricerca in omeopatia nella comunicazione di un sapere integrato.

Interdisciplinarità
per favorire forme di comunicazione, coordinazione e integrazione tra le singole discipline, con un approccio sistemico alla conoscenza della realtà.
Testimonial
TOP