Orto omeopatico 30 maggio 2015: c'è da somministrare un rimedio

Orto omeopatico 30 maggio 2015: c’è da somministrare un rimedio

by / venerdì, 10 luglio 2015 / Published in Archivio
11a rimedio nell'annaffiatoio

 Raffaella firma lunga

Abbiamo iniziato la prima osservazione delle piantine che sono state trapiantate 10 giorni fa.

Il passaggio dal guscio protetto al terreno è stato risentito poco poco da alcune piantine come peperoni, melanzane, fragole, finocchi e pomodori.

11b ORTO 2015-05-30Sebbene la terra dell’orto sia stata preparata con la torba e terriccio con quarzo, per basilico, peperoncini, prezzemolo, sedano, zucchine trombetta e cetrioli è stato più complesso il passaggio del trapianto in terra. Le piantine hanno ingiallito nelle foglie più esterne, i peperoncini tendono ad afflosciarsi (lo vedete nelle fotografie).

La scarola invece si è trovata a suo agio.

Abbiamo osservato anche che i fagioli del 3 maggio hanno sofferto il passaggio dal clima e terra della montagna al clima e terra di pianura.

Dall’osservazione sono emersi sintomi non verbali prendendo in considerazione il fatto del trapianto delle piantine e il cambio di area abitativa, delle 2 grandinate subite in questi 10 giorni, del cambio repentino della temperatura e dell’umidità, dell’arresto della crescita o della crescita troppo veloce e con stelo gracile, del fatto che gli insetti hanno subito tentato di colonizzare le piantine più fragili:

11d ORTO 2015-05-301 – Development – complaints to (disturbi dello sviluppo)

2 – Growth lenght too fast in (crescita troppo veloce)

3 – Development arrested (arresto dello sviluppo)

4 – Fear of open space (paura degli spazi aperti)

5 – Fear of thunderstorm (paura dei temporali)

6 – Touched – aversion to be (avversione ad essere toccato)

7 – Expression – old looking (aspetto vecchieggiante)

8 – Sting of insects (punture d’insetto)

9 – Discoloration pale (colorazione pallida)

10 – Emaciation (emaciazione)

Dobbiamo osservare perché siamo tutti esseri viventi che quando soffriamo lottiamo per vivere e i sintomi che esprimiamo sono il linguaggio (anche non verbale) attraverso il quale chiediamo aiuto.11c ORTO 2015-05-30

Da qui la decisione di somministrare Silicea 100MK.

Sono stati sciolti 10 globuli in mezzo litro composto da 2/3 di acqua e 1/3 di alcool a 70°; di questa diluizione sono stati utilizzati 10 cc per ogni 8 litri: informazione pura, o acqua fresca penserà qualcuno!

La prossima osservazione collettiva avverrà sabato 13 giugno in occasione della conferenza prevista. Valuteremo se ci sarà stato cambiamento e di quale entità.

Per iscriversi alla Lista Orto e partecipare a questa storica esperienza potete scrivere alla mail della Fondazione Belladonna Onlus: info@omeopatiabelladonna.it

Che cosa rende l’esperienza affascinante per me? Lavorare con le mani nella terra, osservare attraverso le piantine che cosa la terra chiede per nutrirle bene, pensare al rimedio omeopatico più simile da somministrare.

Allora potremo cogliere dalla terra i frutti e restituirle nutrimento con il rimedio omeopatico che la renda più sana di quando l’abbiamo incontrata, per le prossime colture e per chi verrà dopo di noi.

2 Responses to “Orto omeopatico 30 maggio 2015: c’è da somministrare un rimedio”

  1. May I simply just say what a relief to uncover somebody that
    actually knows what they are discussing on the web.
    You actually know how to bring an issue to light and make it important.

    A lot more people really need to check this out and understand this side of your story.
    I was surprised that you’re not more popular given that you surely have the gift.

Lascia una risposta

TOP